XXVIII Forum, Abbiategrasso giugno 2019: Per un futuro senza plastica

78

Abbiategrasso, 25 giugno 2019

Martedì 25 giugno ad Abbiategrasso, presso la sala consiliare del Castello Visconteo, a partire dalle ore 21 si è tenuto un Forum aperto a tutti i cittadini per discutere di un problema di grande attualità: l’inquinamento da plastica e le azioni per mitigarlo. Se non correttamente smaltiti, i residui plastici sono causa di molti problemi per il nostro territorio (pensiamo al ciclo delle acque potabili, ai pericoli per la fauna, alla qualità dell’ambiente in generale) e possono viaggiare lontano, contribuendo a peggiorare l’inquinamento delle spiagge, del mare e degli oceani. Un problema drammatico dato che, secondo uno studio della Commissione europea, oltre l’80% dei rifiuti domestici è costituito da plastica. L’inquinamento da plastica non è tuttavia collegato solo allo scorretto smaltimento dei rifiuti plastici, ma anche all’uso eccessivo di questo materiale. Una direttiva europea ha recentemente bandito la plastica monouso; il divieto entrerà in vigore a partire dal prossimo anno. Inoltre, gli Stati membri dovranno ridurre il consumo dei prodotti in plastica per i quali non esistono alternative del 25% entro il 2025. I rifiuti da tabacco (i mozziconi di sigaretta) dovranno essere ridotti del 50% entro lo stesso anno. Ma cosa possiamo fare tutti per affrontare, ridurre ed infine annullare il problema della plastica?

Ne abbiamo parlato con: il sindaco di Abbiategrasso, Cesare Nai e l’Assessore all’Ambiente Cristina Cattaneo, capofila di Agenda 21, Paolo Tremolada, docente della Università Statale di Milano, che cha presentato alcuni dati sulla presenza di microplastiche dalle acque in bottiglia alle principali matrici ambientali simbolo di naturalità; Mattia Nocciola, fotografo amatoriale del Ticino; Gigi Arrara, presidente di Amiacque. Sono state anche presentate alcune buone pratiche già in essere sul nostro territorio ed Amaga ha allestito una mostra sul corretto smaltimento della plastica.