Progetto – ‘Castelli dell’Antico Ducato di Milano: viaggiare a pelo d’acqua’

169

“È difficile non amare i Castelli. Torri e muraglie – magari un po’ sbrecciate, corredate da muschi e leggende di fantasmi – riescono sempre ad accendere la fantasia dei loro visitatori. Suscitano curiosità, richiamano alla mente un ‘romantico’ passato di cavalieri e battaglie, feste e dame. E così, non sorprende che in molte regioni d’Italia e soprattutto d’Europa tanti castelli siano divenuti celebri mete, attrazioni di prima fila in percorsi turistici di massa. Vedere un ‘bel castello’ non significa doversi necessariamente spingere molto lontano da casa”.

Con queste parole di Federico Del Tredici ed Edoardo Rossetti inizia l’interessante volume “Percorsi Castellani da Milano a Bellinzona – Guida ai Castelli del Ducato” edito da Nexo nel 2012, volume nato all’interno del progetto Europeo Interreg ‘Castelli del Ducato’ che vide coinvolti 45 castelli viscontei-sforzeschi disseminati nell’antico Ducato di Milano.

Sette dei Castelli descritti nel volume si propongono di andare oltre: si tratta di sette castelli nati ‘a pelo d’acqua’, sulla straordinaria rete di canali chiamati Navigli perché navigabili. Sono i Castelli di Milano, Cusago, Abbiategrasso, Vigevano, Bereguardo, Pavia, Binasco. Sette Castelli con i loro territori di pertinenza tra la Città Metropolitana di Milano e la Provincia di Pavia, all’interno di due parchi regionali: il Parco Agricolo Sud Milano e il Parco del Ticino.

I sette castelli intendono lavorare insieme, proponendosi come nodi di una rete di promozione e valorizzazione del proprio territorio che abbia come assi portanti i Navigli: il Naviglio Grande, il Naviglio Pavese e il Naviglio di Bereguardo e il Fiume Ticino.

Il progetto è promosso dal Comune di Cusago in collaborazione con il Comune di Abbiategrasso, Vigevano, Bereguardo, Pavia, Binasco, Trezzano sul Naviglio e con il supporto del Consorzio dei Navigli e del Politecnico di Milano.